Baccalaureato Licenza Dottorato Biblioteca Contatti Segreteria
Storia della Facoltà
Informazioni Generali
Autorità Accademiche
Collegio dei Professori
Calendario delle Lezioni
Ufficio Stampa
San Bonaventura Informa
Editrice MF
Auditorium
Cineforum
Borse di Studio e Donazioni
CATTEDRE E ISTITUTI
Cattedra Kolbiana
F.I.A.T.S.
Mulieris Dignitatem
Grafologia pastorale
Academia Bessarionis
Cattedra di dialogo
AREA RISERVATA
home \ news
NEWS
Misericordia, voce del verbo misericordiare
03 Giugno 2019

San Bonaventura informa dedica il Focus del mese al tema della misericordia, argomento tanto caro a papa Francesco da cui partono le riflessioni di fra Emanuele Rimoli, docente di Antropologia cristiana e redattore del mensile. Una riflessione per accompagnarci nella “dinamicità, vivacità e tensione” del verbo “misericordiare” coniato dal Papa a dimostrazione di come la misericordia non sia una parola statica ma un vero e proprio movimento.

«Papa Francesco non perde occasione per declinare il tema della misericordia in diversi modi e ambiti. Non solo, insiste sulla misericordia con un’accezione così originale che richiede un linguaggio da inventare, e così crea parole superando la grammatica convenzionale: primerear, balconear, doverfaresimo, ningunear e, infine, misericordiare.

L’elemento chiave è la consapevolezza che la misericordia non è una cosa ma un verbo, quindi indica dinamicità, vivacità e tensione.
Per il Papa la misericordia non è una cosa o un risultato, ma un movimento. Essa, infatti, si distende nel tempo, nei mutevoli processi storici, proprio lì dove Dio si manifesta.

Ora, questa concezione dinamica e non essenzialista della misericordia, da cui dipende il linguaggio del Papa, deriva da una sensibilità allenata al discernimento che, infatti, è attento più ai movimenti interiori piuttosto che ai risultati, e il cui fine è di poter gustare il contenuto fondamentale della nostra fede, cioè che "prima del peccato, abbiamo la rivelazione dell’amore con cui Dio ha creato il mondo e gli esseri umani. L’amore è il primo atto con il quale Dio si fa conoscere e ci viene incontro" (Misericordia et misera, MM 5). […]

La misericordia, dunque, non è semplicemente una sensibilità filantropica col vestito religioso, ma un travaso della stessa vita di Dio, il quale non è mai “fermo”. Perciò ricevere o donare misericordia è essere inglobati nel movimento che è l’amore di Dio per tutti gli uomini in Gesù.
Non si tratta del semplicistico “non è niente, non fa nulla”, ma di allargare la visione alle dimensioni di Dio, per cui il perdono che offro o ricevo mi permette di gustare, appunto, l’amore di Dio per gli uomini.

Questo è fonte di vera consolazione, poiché si rivela essere la porta da attraversare per gustare sempre ciò che il cuore davvero desidera, ovvero il dono di Dio – se, infatti, il dono di Dio parla di riconciliazione fra Dio e uomo, questo non sarà riconoscibile se non nella riconciliazione tra fratelli. (E.R.)


Leggi qui l’articolo integrale (pag. 2).
Clicca qui per ricevere San Bonaventura informa, gratuitamente ogni mese, in formato digitale.


fonte: Seraphicum Press Office