Baccalaureato Licenza Dottorato Biblioteca Contatti Segreteria
Storia della Facoltà
Informazioni Generali
Autorità Accademiche
Collegio dei Professori
Calendario delle Lezioni
Ufficio Stampa
San Bonaventura Informa
Editrice MF
Auditorium
Cineforum
Borse di Studio e Donazioni
CATTEDRE E ISTITUTI
Cattedra Kolbiana
F.I.A.T.S.
Mulieris Dignitatem
Grafologia pastorale
Academia Bessarionis
Cattedra di dialogo
AREA RISERVATA
home \ news
NEWS
Sabato si apre ad Assisi il Capitolo generale OFMConv
16 Maggio 2019

Sabato si aprirà ad Assisi il 202° Capitolo generale ordinario dei Frati Minori Conventuali per l’elezione del nuovo Ministro generale e del governo dell’Ordine, attesa dopo la prima settimana di lavori, presumibilmente già sabato 25.

Il Capitolo generale è la suprema autorità dell’Ordine che costituisce un tempo di verifica e di programmazione della durata di un mese – dal 18 maggio al 17 giugno: dal 18 al 27 maggio ad Assisi e poi a Collevalenza – che vedrà coinvolti un centinaio di delegati in rappresentanza di circa 4 mila frati, 68 Paesi, 608 comunità, 28 Province, 20 Custodie, 22 Delegazioni e 7 Missioni.

Dopo due sessenni sotto la guida di fra Marco Tasca, i frati minori conventuali sono chiamati ad eleggere il nuovo Ministro generale, Vicario e Definitori che guideranno l’Ordine per i prossimi sei anni.

Un appuntamento di programmazione e di indirizzo per la famiglia conventuale, che unisce la tradizione (ad esempio lo svolgimento nel periodo di Pentecoste, come indicato dal fondatore san Francesco) a uno sguardo attento sui rapidi mutamenti del mondo, come dimostra anche la recente revisione delle Costituzioni, ovvero lo strumento di attualizzazione della Regola.

Il nuovo Ministro generale rivestirà anche il ruolo di Gran Cancelliere della Facoltà, così come il vicario sarà il suo vice pure in ambiente accademico. Nell’occasione la Facoltà ringrazia il Gran Cancelliere uscente, fra Marco Tasca con il Vice fra Jerzy Norel, e accompagna con la preghiera questo importante momento di vita per l’Ordine.

Per approfondire l’importanza del Capitolo generale e, più in generale, la vita dell’Ordine con le sue tante sfide, proponiamo l’articolo della rubrica “Vita francescana” di San Bonaventura informa, a firma di fra Francesco Panizzolo, frate minore conventuale, membro delle commissioni giuridiche della CISM (Conferenza Italiana Superiori Maggiori) e della USG (Unione Superiori Generali), oltre che Officiale della Congregazione per la Dottrina della Fede.

«San Francesco voleva che i suoi frati da tutto il mondo si incontrassero ogni tre anni per celebrare il “Capitolo di Pentescoste”, una assemblea elettiva già in uso presso l’Ordine all’epoca in cui veniva scritta la seconda Regola.
Infatti, al cap. VIII della Regola bollata si afferma che “tutti i frati sono tenuti ad avere sempre uno dei frati di quest’Ordine come Ministro generale e servo di tutta la fraternità e a lui devono fermamente obbedire. Alla sua morte, l’elezione del successore va fatta dai Ministri provinciali e dai Custodi nel Capitolo di Pentecoste, al quale i Ministri provinciali sono tenuti sempre ad intervenire, dovunque sarà stabilito dal Ministro generale; e questo, una volta ogni tre anni o entro un termine maggiore o minore, così come dal predetto Ministro sarà ordinato”.

Da allora, molte cose sono cambiate e le competenze del “Capitolo di Pentecoste” – chiamato ora “generale” – sono andate approfondendosi, sviluppandosi ed ampliandosi, ma i principi ispiratori che connotavano le disposizioni della Regola riguardo questa assemblea sinodale sono rimasti immutati (cfr. Costituzioni art. 198 §2). […]

È dunque lo Spirito Santo che guida ed ispira, ma soprattutto che conferma nell’unità i fratelli radunati a celebrare il Signore che ancora opera meraviglie per il suo popolo e a ricercare la sua santa volontà.
Proprio per questo il Capitolo generale esige, in primo luogo, un ampio spazio di preghiera e riflessione individuale, non solo durante la celebrazione di esso, ma pure in preparazione ad esso, da chi è chiamato a farne parte come da chi ne segue i lavori da fuori.

Infatti, nessun strumento di governo dell’Ordine (Capitoli, Definitori, Uffici generali e provinciali, Commissioni, etc.) può essere tanto tecnico da venire sganciato (e privato!) in maniera radicale dall’essenza stessa del nostro essere consacrati, cioè la nostra tensione verso la conformazione in tutto a Cristo» (F.P.)


Leggi qui l’articolo integrale (pag. 14).
Clicca qui per ricevere San Bonaventura informa, gratuitamente ogni mese, in formato digitale.


(Nella foto, il logo del Capitolo)


fonte: Seraphicum Press Office