Baccalaureato Licenza Dottorato Biblioteca Contatti Segreteria
Storia della Facoltà
Informazioni Generali
Autorità Accademiche
Collegio dei Professori
Calendario delle Lezioni
Ufficio Stampa
San Bonaventura Informa
Editrice MF
Auditorium
Cineforum
Borse di Studio e Donazioni
CATTEDRE E ISTITUTI
Cattedra Kolbiana
F.I.A.T.S.
Mulieris Dignitatem
Grafologia pastorale
Academia Bessarionis
Cattedra di dialogo
AREA RISERVATA
home \ news
NEWS
L'imprenditore tra responsabilità e irresponsabilità
07 Maggio 2019

Quali sono le responsabilità di un imprenditore? A quale modello di sviluppo deve guardare? Come conciliare l'interesse della propria attività con quello dei lavoratori e come concorrere a uno sviluppo sociale?

A questi interrogativi risponde, nella rubrica “Morale e società” di San Bonaventura informa, il prof. Oreste Bazzichi, docente di Filosofia sociale ed etico-economica.

«Per molti, troppi anni si è coltivata culturalmente la convinzione che l’impresa fosse un’istituzione dedita esclusivamente a fare affari e profitto, una macchina senz’anima. Il denaro come obiettivo, il denaro come unica risorsa necessaria.
Mentre, fare impresa significa produrre valori e sviluppare conoscenze, perché essa non è soltanto dell’imprenditore e dei suoi lavoratori, ma è un bene sociale e la sua buona gestione è un interesse dell’intera società.

In questo senso svolge anche un ruolo di diffusore della cultura dello sviluppo, basata sull’imprenditorialità, sull’intuizione, sull’iniziativa, sulle competenze e sulla partecipazione responsabile. Quindi, come soggetto collettivo e sociale, non può permettersi di fare qualsiasi cosa per realizzare il profitto.

Il successo competitivo è infatti, sempre più, legato all’immagine dell’opinione pubblica ed alla reputazione sul territorio e nella comunità. Si tratta di valutazioni sui comportamenti e sulla rispondenza ai principali valori condivisi: trasparenza sul come produrre ricchezza; attenzione alle relazioni con i lavoratori; rapporto corretto con i fornitori e con la pubblica amministrazione; senso civico; salvaguardia dell’ambiente e conservazione delle risorse; creazione di ricchezza, di capitale e di reddito, ma anche di una comunità, di un insieme di persone, di realizzazioni collettive. […]

Oggi gli imprenditori devono ridarsi una cultura per produrre valori, riprendendo a rischiare, a fare impresa e creare lavoro, a stare sul mercato, a esprimere innovazione, a creare economia reale e non finanziaria, a collegare lo sviluppo dell’impresa con lo sviluppo della società.

La “vocazione”, il “nobile lavoro”, il senso della “missione” per sé e per gli altri: queste sono le caratteristiche e le attitudini «imprescindibili del servizio dell’imprenditore al bene comune» (Laudato si’, n.129); al di fuori di questo orizzonte, ci sono: gli errori, le sottovalutazioni, l’assenza del discernimento e del senso etico, l’avanzata degli egoismi e degli interessi personali, le disuguaglianze, la crisi dell’attività d’impresa. (O.B.)


Leggi qui l’articolo integrale (pag. 11).
Clicca qui per ricevere San Bonaventura informa, gratuitamente ogni mese, in formato digitale.



fonte: Seraphicum Press Office