CONTATTI RICERCA FOTOGALLERY DONAZIONI
NEWS
torna alla home
Al via la XXXIV Giornata mondiale della gioventù
21 Gennaio 2019

Inizierà domani a Panama la XXXIV Giornata mondiale della gioventù, la terza GMG per papa Francesco dopo quella di Rio de Janeiro e di Cracovia.
I dettagli del viaggio apostolico del pontefice (dal 23 al 28 gennaio) sono stati illustrati dal direttore ad interim della Sala Stampa della Santa Sede, Alessandro Gisotti, venerdì nel corso di un briefing con i giornalisti. Tra gli appuntamenti cui prenderà parte il Santo Padre, sono da segnalare due momenti particolarmente significativi: l’incontro con i detenuti di un carcere giovanile e con giovani disabili e malati di Aids. 

Alla Giornata mondiale della gioventù il mensile San Bonaventura informa ha dedicato la rubrica #GiovaneSinodo dell’ultimo numero, con un articolo di Mimmo Muolo, vaticanista di Avvenire.

«Non finisce di sorprendere la Giornata mondiale della Gioventù. Con oltre trent’anni di storia alle spalle, l’“attraversamento” di tre pontificati e l’organizzazione di tredici incontri mondiali (cui vanno aggiunti quelli del 1984 e 1985 a Roma, anche se formalmente ancora Gmg non erano) questa invenzione di san Giovanni Paolo II riesce ogni volta a rinnovarsi e a produrre nuovi frutti.

Non fa eccezione l’ormai imminente appuntamento di Panama, il terzo con papa Francesco (dopo Rio de Janeiro nel 2013 e Cracovia nel 2016), che rappresenta una prima volta sotto molti punti di vista. La prima volta in Centro America, la prima volta in un Paese così piccolo, la prima volta in collaborazione con le nazioni vicine (che ospiteranno anch’esse i giovani), la prima volta con un santo patrono d’eccezione, monsignor Oscar Arnulfo Romero, fresco di canonizzazione. […]

Questa sarà la prima Gmg dopo il Sinodo sui giovani celebrato nel mese di ottobre in Vaticano. Una sorta di continuazione sul campo di quell’assise. La riconsegna ai giovani stessi del risultato principale dei lavori, che - come è stato affermato da più parti in attesa del documento del papa - hanno sostanzialmente chiesto di guardare ai giovani non solo come futuro, ma come già protagonisti del presente, anche se ovviamente in collaborazione e in dialogo con le altre generazioni.
Giovani come “luogo teologico”, in cui scoprire l’esistenza di Dio, giovani non da colonizzare, ma da ascoltare, accompagnare, discernere». (M.M.)


Leggi qui l’articolo integrale (pag. 19).
Clicca qui per ricevere San Bonaventura informa, gratuitamente ogni mese, in formato digitale.
Scarica qui il Messale per il Viaggio Apostolico a Panama


fonte: Seraphicum Press Office