CONTATTI RICERCA FOTOGALLERY DONAZIONI
NEWS
torna alla home
Il carattere pastorale di “Humanae vitae“
26 Luglio 2018

In concomitanza con il cinquantenario della pubblicazione dell’enciclica Humanae vitae di Paolo VI, San Bonaventura informa ha proposto – da aprile al presente numero - la rubrica “Humanae vitae 50 anni dopo", per comprendere i vari risvolti del documento.

Dopo le riflessioni di Orlando Todisco (OFMConv), Oreste Bazzichi e Domenico Paoletti (OFMConv), la rubrica propone il contributo di Giulio Cesareo (OFMConv), docente di Trinitaria.

«L’anniversario della pubblicazione dell’enciclica Humanae vitae di Paolo VI è un’occasione propizia da vari punti di vista. L’uscita del documento, infatti, fu marcata dalla questione “pillola sì, pillola no” e in questo modo il vero cuore del messaggio del documento è rimasto spesso un po’ ai margini nei dibattiti, nelle presentazioni e negli approfondimenti, anche da parte di chi sosteneva l’insegnamento di Paolo VI.

Ma anche queste reazioni, se lette con libertà e distacco, magari appunto cinquanta anni dopo, ci permettono di fare delle considerazioni non solo sull’insegnamento del magistero ma anche sul modo in cui nella Chiesa e nella società esso è recepito. Non possiamo infatti dimenticare che la comunicazione è sempre una sinergia tra almeno due soggetti: chi offre il messaggio e chi lo riceve. […]

La ricezione del documento, infatti, è stata in gran parte mediata da agenti comunicativi non ecclesiali - i media del tempo – che erano fondamentalmente interessati a realizzare lo scoop: la Chiesa autorizzerà la contraccezione sì o no?

La presa di posizione di Paolo VI cioè è stata presentata come un’indicazione anzitutto giuridica, legale, come se il cuore del messaggio dell’enciclica fosse appunto l’autorizzazione a usare la pillola o altri mezzi anticoncezionali». (G.C.)


Leggi qui l'articolo integrale (pag. 5).

Clicca qui per ricevere San Bonaventura informa, gratuitamente ogni mese, in formato digitale.



fonte: Seraphicum Press Office