CONTATTI RICERCA FOTOGALLERY DONAZIONI
NEWS
torna alla home
Convegno kolbiano sul dialogo interreligioso
03 Maggio 2018

Sarà dedicato al dialogo interreligioso il convegno annuale organizzato dalla Cattedra Kolbiana della Pontificia Facoltà teologica “San Bonaventura”, sul tema “Il dialogo interreligioso interpella la Milizia dell’Immacolata. Una riflessione a partire da Kolbe”, in programma sabato (5 maggio) alle ore 16 al Seraphicum (via del Serafico, 1 – angolo via Laurentina a Roma).

Un appuntamento che si rinnova ogni anno, allo scopo di approfondire e attualizzare il messaggio di san Massimiliano Kolbe, per proporre ai partecipanti un arricchimento del proprio bagaglio personale, attingendo alla fede e alla testimonianza di amore del martire di Auschwitz, così come per fornire indicazioni alla Milizia dell’Immacolata, l’organizzazione mondiale di apostolato creata da p. Kolbe nel 1917 e oggi diffusa in tutto il mondo.

Il convegno, moderato da Anna Maria Calzolaro, sarà aperto alle ore 16 dall’intervento di fra Silvestro Bejan, OFMConv, esperto di dialogo interreligioso e direttore del Cefid – il Centro Francescano Internazionale per il Dialogo di Assisi –, sul tema “Le urgenze del dialogo interreligioso nell’insegnamento di papa Francesco”.

Alle ore 17 sarà la volta di fra Raffaele Di Muro, direttore della Cattedra Kolbiana del Seraphicum e presidente della Milizia dell’Immacolata internazionale, che parlerà di “Kolbe, Milizia dell’Immacolata e dialogo”.
Seguiranno, alle ore 18, le conclusioni del preside della Facoltà, fra Dinh Anh Nhue Nguyen.

A spiegare la scelta di questo particolare tema è fra Raffaele Di Muro che rimarca quanto il dialogo interreligioso sia una esigenza prioritaria, come raccomandato ripetutamente da papa Francesco e come dimostra la storia del francescanesimo.

Inoltre c’è una esigenza legata proprio alla Milizia dell’Immacolata, ovvero la necessità di avanzare speditamente anche su questo terreno.
“Un messaggio che va a investire direttamente l’operato e i progetti della MI – spiega il presidente internazionale, fra Di Muro – su un piano che sinora non la vede molto coinvolta per il fatto che, nei suoi cento anni di attività, la Milizia dell’Immacolata si è sempre mossa tanto e bene nel campo del dialogo con i cristiani e con gli atei ma non con le altre religioni.

Una esigenza che sta emergendo adesso con crescente urgenza e sulla quale la MI deve sapersi attivare in maniera efficace e proprio per questo motivo, nel corso della mia relazione, offrirò spunti di riflessioni e indicazioni per far sì che questa organizzazione possa dare i suoi frutti anche nel confronto tra religioni diverse”.


fonte: Seraphicum Press Office