CONTATTI RICERCA FOTOGALLERY DONAZIONI
NEWS
torna alla home
Omelie sulle parabole
16 Marzo 2018

Omelie sulle parabole. Quattordici riflessioni sui racconti di Gesù di Elia Citterio è la pubblicazione al centro della rubrica mensile “Il tesoro dello scriba”, tenuta su San Bonaventura informa da fra Emanuele Rimoli, docente di Antropologia teologica.

«Questo piccolo libro, estratto di una pubblicazione più voluminosa (L’intelligenza spirituale delle Scritture, EDB 2008), propone un itinerario di comprensione delle parabole evangeliche tenendo conto di due elementi, una disposizione per l’intelligenza della Scrittura e un vero e proprio metodo di intelligenza.

La disposizione è data da una constatazione: «senza domanda la Scrittura non parla». Individuare la domanda sottesa al racconto evangelico costituisce, infatti, la chiave per cogliere più in profondità ciò che davvero è in gioco nella narrazione, ovvero la rivelazione di una «esperienza possibile che può fare il nostro cuore» dell’amore di Dio, mettendoci al riparo da una lettura superficiale.

In questa prospettiva si comprende l’invocazione di Isacco il Siro prima di accostarsi alle parole della Scrittura: «Signore, concedimi di sentire la potenza che esse contengono!», dove con “potenza” si allude all’esperienza di incontro e di salvezza che la Parola di Dio manifesta e comunica. Ma per noi uomini intasati dal continuo brusio di informazioni, precomprensioni e preoccupazioni, non è così semplice né facile dialogare con la Scrittura e scoprire le domande pertinenti da porle.

Se poi consideriamo l’abitudine a mettersi davanti al testo avendo come filtro il “cosa dice a me”, l’orizzonte di accoglienza e di comprensione della vitalità della Parola si riduce drasticamente alla pretesa che la Scrittura “parli a me e di me come io credo di sapere mi si debba parlare”. Ma, in verità, le parabole evangeliche non parlano tanto del cuore dell’uomo, quanto invece illustrano l’agire di Dio nella rivelazione del suo amore in Gesù per tutti gli uomini». (E.R.)


Leggi qui l'articolo integrale (pag. 20).

Clicca qui per ricevere San Bonaventura informa, gratuitamente ogni mese, in formato digitale.


fonte: Seraphicum Press Office