CONTATTI RICERCA FOTOGALLERY DONAZIONI
NEWS
torna alla home
In dialogo con la Chiesa ortodossa
12 Dicembre 2017

È la cronaca di una esperienza ecumenica con la Chiesa ortodossa russa quella che propone, nella rubrica “Cultura dell’incontro” su San Bonaventura informa, fra Teofil Ciucheş, frate minore conventuale e dottorando in Patrologia al Patristicum.

«È ormai noto come l’incontro a L’Avana tra papa Francesco e il Patriarca Kirill - scrive fra Ciucheş -, abbia segnato una tappa importante nel rapporto ecumenico, permettendo così di aprire nuovi orizzonti e di rafforzare il dialogo con i fedeli della Chiesa Ortodossa Russa.

Dopo tale incontro, il Patriarcato di Mosca, in collaborazione con il Pontificio Consiglio per l’Unità dei Cristiani, nel periodo dal 25 agosto al 3 settembre 2017, ha ospitato una delegazione di sacerdoti di cui, in qualità di membro, cercherò di condividere alcune impressioni.

Si è trattato di un’esperienza ecclesiale che ci ha consentito di entrare in contatto con la cultura e la ricca tradizione della Chiesa Russa e al contempo di avvertire la gioia di un cristianesimo risorto dopo un lungo trascorso segnato da persecuzioni e da ateismo radicale. Si è instaurato immediatamente un clima sereno e di dialogo con la comunità ospitante ed i fedeli russi hanno manifestato una accoglienza evangelica nei nostri confronti. […]

Al centro della visita, particolarmente apprezzato è stato l’incontro con Sua Santità il Patriarca Kirill, che sulla linea della dichiarazione comune de L’Avana, ha sottolineato l’impegno per promuovere i valori cristiani in una società di rapidi cambiamenti.

Concorde con papa Francesco, si è espresso in difesa dei tanti cristiani perseguitati in Medio Oriente e in difesa della vita, che a volte mediante lo sviluppo della tecnica sembra essere manipolata, sminuendo così la dignità dell’uomo.

Rilevante è stato il riferimento alla vocazione della famiglia, secondo il piano del Creatore, come anche l’invito insistente ai giovani cristiani di valorizzare i doni ricevuti da Dio per confermare nel mondo la verità di Cristo fino ad avere il coraggio di andare controcorrente». (T.C.)


Leggi qui l’articolo integrale (pag. 9)

Clicca qui per ricevere San Bonaventura informa, gratuitamente ogni mese, in formato digitale.


fonte: Seraphicum Press Office