CONTATTI RICERCA FOTOGALLERY DONAZIONI
NEWS
torna alla home
La cura della casa comune e il Joint Diploma in ecologia integrale
10 Novembre 2020

Leggi qui l'articolo integrale (a pag. 22)


La rubrica "Abitare la casa comune" di San Bonaventura informa affronta, in questo numero, il tema della cura del creato. Ne scrive fra Francesco Celestino, docente di Teologia Pastorale e membro del Comitato scientifico di Joint Diploma in ecologia integrale. Una opportunità formativa messa in campo dalle Università e Atenei Pontifici di Roma.

«Sono trascorsi cinque anni dalla pubblicazione della Lettera Enciclica Laudato si’ sulla cura della casa comune di papa Francesco (24 maggio 2015). Quest’anno (2020), nella ricorrenza del quinto anniversario della suddetta pubblicazione, si è voluto dare particolare rilievo a tale memoria e per iniziativa del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale è stata celebrata una settimana dedicata alla Laudato si’. Inoltre si vuole continuare tale esperienza con un anno speciale dedicato ad essa (24 maggio 2020-24 maggio 2021).

Le diverse iniziative realizzate, e altre che sono ancora in fase di realizzazione, avranno un carattere spirituale, sociale, pastorale e culturale per continuare a sensibilizzare l’umanità alla cura della casa comune, affinché ogni uomo usi con responsabilità i beni che Dio gli ha affidato e riscopra la sua vocazione ad essere custode del creato.

La Laudato si’ prende il nome dall’invocazione del Cantico di Frate sole di san Francesco di Assisi che riconosce la terra come sorella e madre (cf. FF 263,20). Il Poverello di Assisi è la fonte di ispirazione per la cura della casa comune e anche esempio per tutto ciò che è debole, bisognoso di cura; una ecologia integrale che deve essere vissuta con gioia e autenticità (cf. LS 10).

La stessa madre terra, per papa Francesco, grida e geme perché maltrattata e saccheggiata, a questo si unisce anche il grido dei poveri e di tutti coloro che sono scartati; si riconosce, inoltre, che sta nascendo una nuova sensibilità nei confronti dell’ambiente, sia da parte dei credenti che dei non credenti, soprattutto per i danni che esso sta subendo (cf. LS 13).

Per questo è necessario un cammino formativo che aiuti l’essere umano a vivere con stile nuovo le relazioni con Dio, con se stessi, con gli altri e con tutto il creato. […]

Un’importante proposta formativa, a partire dalla Laudato si’, è offerta dalle Università e dagli Atenei Pontifici di Roma: Joint Diploma in ecologia integrale. Lo scopo di questo percorso di studi, di cui fa parte anche il Seraphicum, è quello di far conoscere il messaggio della Laudato si’, per realizzare un rinnovamento culturale e favorire più consapevolezza tra le persone a riguardo dell’ecologia integrale. Inoltre, si vuole incoraggiare tutti ad avviare iniziative educative sia personali che comunitarie per prendersi cura della casa comune.

Il Joint Diploma si rivolge a tutti gli studenti delle Università, ai religiosi, ai sacerdoti, ai laici, ai catechisti, alle associazioni, ai gruppi e a tutti coloro che desiderano crescere nel prendersi cura della casa comune». (F.C.)

 

Clicca qui per ricevere San Bonaventura informa, gratuitamente ogni mese, in formato digitale.


fonte: Seraphicum Press Office