CONTATTI RICERCA FOTOGALLERY DONAZIONI
NEWS
torna alla home
Riflessioni sull'amicizia cristiana
10 Settembre 2020

Leggi qui l’articolo integrale (a pag. 13)


In cosa consiste l’amicizia per un cristiano? In che modo Gesù è nostro amico? Come possiamo essere amici del Signore e amici gli uni degli altri? A queste domande cerca di offrire delle risposte fra Enzo Galli, docente di Cristologia, nell’articolo "L’amico è l’amato" per San Bonaventura informa.

«Evidentemente, con poche battute non è possibile rispondere a queste ed altre domande simili – che meriterebbero di essere oggetto di uno studio più dettagliato ed esaustivo. Tuttavia, ci sembra opportuno ed utile dire qualcosa al riguardo, e a tale scopo ci lasciamo guidare dal seguente passo del vangelo di Giovanni.

Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici. Voi siete miei amici, se fate ciò che io vi comando. Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamato amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio l’ho fatto conoscere a voi (Gv 15,12-15).

Che cos’è l’amicizia per Gesù? L’amicizia per Gesù è l’amore. Secondo questo passo, tutto il vangelo in cui Gesù ci rivela l’amore di Dio per noi non è altro che una storia di amicizia. L’amicizia di Dio e del Figlio di Dio con gli uomini. L’amore è la sostanza dell’amicizia. L’amico è l’amato.

Vi è un altro passo emblematico in cui questo è chiaro: l’episodio della risurrezione di Lazzaro, che troviamo al capitolo 11 del vangelo di Giovanni. […]

In cosa consiste questo amore per l’amico? Certamente tutto il vangelo ne mostra molti aspetti; ma, probabilmente, quelli più forti sono due: il primo consiste nel dare la vita per i propri amici, come abbiamo letto nel capitolo 15; il secondo è la compassione, che notiamo in Gesù nei confronti di Lazzaro. Gesù piange dinanzi alla tomba di Lazzaro perché sente compassione; le sue sono lacrime di compassione. Compatire è partecipare al dolore dell’amico, soffrire con chi soffre, è un amore che si fa carico del dolore dell’altro, dell’amico. Questo è uno dei tratti più importanti dell’amore tra amici». (E.G.)

 

Clicca qui per ricevere San Bonaventura informa, gratuitamente ogni mese, in formato digitale.


fonte: Seraphicum Press Office