CONTATTI RICERCA FOTOGALLERY DONAZIONI
NEWS
torna alla home
Il frate minore conventuale papa Sisto V
15 Luglio 2020

Leggi qui l’articolo integrale (a pag. 19)


Il frate minore conventuale papa Sisto V: storia di un pontificato breve ma straordinario è il racconto biografico di Felice Peretti che propone fra Francesco Costa in San Bonaventura informa. Un viaggio alla scoperta dei pontefici francescani, tra storia e aneddoti.

«Una leggenda, sicuramente tra le più curiose di quante se ne narrano sul breve ma straordinario pontificato di Sisto V (1585-90), immagina il cardinal Felice Peretti (questo il suo nome di battesimo), ergersi solidamente sulle gambe appena eletto papa e gettare lontano le grucce cui prima doveva sostenersi perché la prolungata inattività impostagli dal predecessore Gregorio XIII (1572-85) lo aveva reso curvo, debole e claudicante.

Una leggenda "più simbolica che menzognera", osserva un biografo di papa Sisto, A. De Hübner (1887), "la quale come spesso interviene nelle leggende, sotto le immaginazioni popolari dà a vedere la verità trasfigurata e travestita; quelle grucce eran catene, le catene della inerzia violenta e prolungata per i tredici anni del regno di Gregorio".
Gregorio XIII, della nobile famiglia bolognese Boncompagni, forse per la sua provenienza dal clero secolare, non vedeva di buon occhio l’assunzione dei religiosi alle cariche pubbliche della Chiesa.

Certo è che nei suoi otto concistori per la creazione dei nuovi cardinali, papa Boncompagni si guardò bene dall’includervi un solo religioso. Il futuro Sisto V era però tra i porporati da due anni quando Gregorio XIII salì al trono pontificio.

Tenuto lontano dalle cariche pubbliche della Chiesa, il Peretti tornò con più lena a lavorare per la nuova edizione delle opere di S. Ambrogio. Chiamandolo a Roma nel 1560 alla Consulta dell’inquisizione, Pio IV gli aveva anche affidato il compito di presiedere all’emendazione delle opere dei Padri manomesse da alcuni protestanti. Tipo dinamico, p. Peretti si sera messo subito al lavoro, ma erano sopravvenute nuove mansioni». (F.C.)


Clicca qui per ricevere San Bonaventura informa, gratuitamente ogni mese, in formato digitale.


fonte: Seraphicum Press Office