CONTATTI RICERCA FOTOGALLERY DONAZIONI
NEWS
torna alla home
Madeleine Delbrêl, dall’ateismo radicale alla ricerca di Dio
15 Novembre 2019

Leggi qui l’articolo integrale (a pag. 27)


San Bonaventura informa ospita una nuova rubrica intitolata “La fede degli artisti”, a cura di Elisabetta Salvatori, attrice e autrice teatrale. Il primo personaggio ospitato in questo spazio è Madeleine Delbrêl, poetessa, assistente sociale e mistica. Elisabetta Salvatori ne offre una lettura attenta, intima, appassionata, raccontando il suo cammino dall’ateismo radicale alla ricerca di Dio, tra gli ultimi delle periferie francesi.

Quella di Salvatori è una lettura capace di cogliere e condividere ogni minimo dettaglio, avendo studiato bene e amando profondamente Madeleine tanto da dedicarle “Come gli scambi del treno”, uno spettacolo teatrale che è già stato rappresentato in diverse parti d’Italia e che ancora viene richiesto per la sua intensità.

«Poetessa lo diventa grazie al padre, lui, che avrebbe voluto essere poeta e invece era ferroviere, trasmette alla figlia la sua grande passione per la scrittura e l’alimenta.

Di essere assistente sociale lo sceglie quando intuisce che il luogo più adatto per vivere la sua vocazione sono le strade e allora vuole essere preparata per aiutare chi ha bisogno.

Mistica forse lo era sempre stata, fin da bambina quando guardava il mondo con meraviglia, poi crescendo la vita la deluse, la ferì, allora pensò che Dio fosse un’illusione, ma proprio allora Lui si fece sentire e da quel momento Madeleine vide tutto quello che aveva intorno, la quotidianità, i volti, le strade, in un modo nuovo, avvolti da un mistero che supera i ragionamenti.

Madeleine è tenace, vibrante, ardente, allegra, una fiammella che passa e riscalda. Non c’era mai stato niente di tiepido nel suo carattere, neanche quando ancora non immaginava il suo destino. […]

In uno di questi salotti conoscerà Jean Maydieu, un bel ragazzo, simpatico, profondo, impegnato politicamente e credente. Cominciano a uscire insieme. Vanno in barca, vanno a ballare, parlano di tante cose, parlano molto anche di Dio, Jean è convinto che sia lì vicino a loro. Le sembra strano che un uomo intelligente e colto creda in Dio, ma va bene lo stesso, è innamorata, è felice.

Jean le cambierà la vita, non corteggiandola per un’estate ma entrando in convento per diventare monaco. Senza prepararla, senza dirle niente, neppure un saluto, all’improvviso non lo vedrà più. A Madeleine precipita il mondo addosso. È arrabbiata, è offesa, incredula, sta malissimo. Scrive al convento, ma non ha risposta, lei che ha sempre chiesto il perché delle cose, non riceve spiegazione». (E.S.)


Clicca qui per ricevere San Bonaventura informa, gratuitamente ogni mese, in formato digitale.


fonte: Seraphicum Press Office