CONTATTI RICERCA FOTOGALLERY DONAZIONI
NEWS
torna alla home
SBi News: “Economy of Francesco” per una nuova economia. Appuntamento ad Assisi nel marzo 2020
11 Maggio 2019

«Cari amici, vi scrivo per invitarvi ad un’iniziativa che ho tanto desiderato: un evento che mi permetta di incontrare chi oggi si sta formando e sta iniziando a studiare e praticare una economia diversa, quella che fa vivere e non uccide, include e non esclude, umanizza e non disumanizza, si prende cura del creato e non lo depreda. Un evento che ci aiuti a stare insieme e conoscerci, e ci conduca a fare un “patto” per cambiare l’attuale economia e dare un’anima all’economia di domani».

Inizia così il messaggio che papa Francesco ha rivolto “ai giovani economisti, imprenditori e imprenditrici di tutto il mondo”, in vista dell’incontro “Economy of Francesco” in programma ad Assisi dal 26 al 28 marzo dell’anno prossimo.

Un appuntamento a livello mondiale che sarà promosso dalla Diocesi di Assisi in collaborazione con le Famiglie francescane e che vedrà il ritorno del Santo Padre nella città del Poverello, confermando così il forte legame con il santo di cui porta il nome.

L’evento sarà presentato martedì mattina, alle ore 11.30, nella Sala Stampa della Santa Sede alla presenza del card. Peter Kodwo Appiah Turkson, Prefetto del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale; di mons. Domenico Sorrentino, Arcivescovo-Vescovo di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino; del prof. Luigino Bruni, Professore Ordinario di Economia Politica presso la Libera Università Maria Santissima Assunta di Roma (Italia) e Consultore del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita; del sindaco di Assisi Stefania Proietti, e di p. Mauro Gambetti, OFMConv, Custode del Sacro Convento di Assisi.

I primi commenti sull’importante evento, che farà di Assisi il cuore di una nuova economia dopo essere riferimento imprescindibile per la pace e il dialogo interreligioso, arrivano dal vescovo e dal Custode del Sacro Convento.

«È una notizia che ci riempie di gioia e di responsabilità – commenta mons. Domenico Sorrentino -. Grazie, papa Francesco! Grazie per aver pensato ancora una volta a questa Città. Se il 27 ottobre 1986 san Giovanni Paolo II la scelse come icona di pace inaugurando lo “spirito di Assisi”, l’odierna iniziativa, di così grande respiro, la propone anche come icona di una nuova economia». 

P. Mauro Gambetti rimarca come «promuovere un nuovo ‘patto’ con ‘quelli che hanno il futuro’, è l’ispirazione sgorgata dal cuore di un padre. Accompagniamo fin d’ora con la preghiera e con tutto l'impegno le fasi della preparazione e della riuscita dell'evento. I quattro verbi che il successore di Pietro ci consegna: ‘Ri-animare’, 'Rivedere', 'Rispondere' e 'Riparare' tracciano la strada che percorreremo insieme a tutti coloro che coltiveranno ‘il sogno di un nuovo umanesimo’, ispirandosi a Francesco per il rinnovamento dell’economia». (e.l.i.)


Leggi qui la Lettera del Santo Padre Francesco.

Nella foto il papa con p. Mauro Gambetti, Custode del Sacro Convento (foto http://www.sanfrancescoassisi.org)


fonte: Seraphicum Press Office