CONTATTI RICERCA FOTOGALLERY DONAZIONI
NEWS
torna alla home
La chiamata alla gioia di essere in due
18 Marzo 2019

“La chiamata alla gioia di essere in due” è il titolo del nuovo appuntamento con la rubrica “Accenti vocazionali” di San Bonaventura informa a cura di fra Roberto Liggeri. Al centro della riflessione, questo mese, le dinamiche della coppia attraverso la testimonianza di Giorgio e Cristiana che raccontano la loro esperienza di vita.

«Nonostante l’attenzione della nostra società verso le relazioni di coppia, l’accuratezza scientifica degli studi psicologici, il proliferare di romanzi, serie televisive, film e canzoni che ne parlano, questo tipo di relazione sembra sempre più fragile. È per questo che può essere utile interrogarsi sulla “vocazione alla coppia”: se esiste una chiamata a vivere in coppia, come mai spesso la rottura di questo tipo di relazione sembra ineludibile?

Divorzi e separazioni dipendono solo dall’incapacità umana di vivere relazioni significative e durature? Non vivendo questo tipo di relazione e volendo limitarmi a raccontare una storia possibile, chiedo aiuto ad una coppia con una grazia particolare, quella della consapevolezza. […]

La relazione di coppia non è solo una realtà appagante, come potrebbe viverla un adolescente pronto a fuggire alla prima difficoltà, né è volta solo a costruire una famiglia o tutelare dei figli. La relazione di coppia è, per Giorgio e Cristiana, una catechesi di vita reale per entrare sempre più nel mistero di Dio incarnato.

È un cammino verso Dio, ed è proprio in quell’attrazione iniziale, nei limiti che si svelano giorno per giorno, nelle sfide affrontate insieme, nelle gioie e nei dolori, che si può gustare quella chiamata di Dio che cammina con te.
Giorgio e Cristiana mi dicono che nella loro esperienza la coppia è un “rapporto a tre” in cui l’amore  coniugale aiuta a fare esperienza dell’amore di Dio e l’amore di Dio aiuta a tener vivo l’amore coniugale». (R.L.)


Leggi qui l’articolo integrale (pag. 20).
Clicca qui per ricevere San Bonaventura informa, gratuitamente ogni mese, in formato digitale.



fonte: Seraphicum Press Office